Chi siamo

L’Accademia Musicale nasce nel 2016 ad Avezzano sotto la direzione didattica del M° Stefano Fonzi, direttore d’orchestra, compositore e arrangiatore che collabora costantemente con artisti quali Gino Paoli, Red Canzian, Nina Zilli, Fabio Concato, Fabrizio Bosso, Dee Dee Bridgewater, autore delle musiche per molte trasmissioni RAI, ha diretto tra le altre la London Symphony Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e l’Orchestra della Fondazione Arturo Toscanini.

Da sempre attento alla formazione dei giovani, dopo anni di insegnamento ha deciso di fondare un’accademia musicale basata prevalentemente su metodi musicali moderni che focalizzano l’attenzione e lo studio degli allievi sulla musica d’insieme.

 

 

PRENOTA ORA LA TUA LEZIONE DI PROVA GRATUITA!

 

 

I PRINCIPI IN CUI CREDIAMO

  1. L’educazione musicale non può mai mancare in una società moderna.
  2. La cultura musicale influenza la società in maniera positiva ed educa in modo duraturo alla socializzazione.
  3. I programmi musicali dedicati soprattutto all’infanzia tengono in debita considerazione le caratteristiche dei bambini in relazione alla loro età e alle loro caratteristiche fisiche e psichiche.

 

I NOSTRI CRITERI DI EDUCAZIONE MUSICALE

 

Formazione sempre adeguata all’età degli allievi:

I bambini imparano a parlare la loro lingua grazie allo scambio diretto con i loro pari.

L’orecchio ha uno sviluppo significativo tra i 4 e i 6 anni di età; un periodo fondamentale per imparare il linguaggio musicale.

L’infanzia è un’età fondamentale per un corretto sviluppo delle facoltà intellettive e musicali di un bambino.

 

Lezioni collettive in piccoli gruppi

E’ una caratteristica del nostro metodo d’insegnamento.

Il clima che si respira nella struttura è indispensabile per stimolare nuovi interessi, favorire l’attivazione delle capacità percettive di ogni allievo. Ognuno di essi, infatti, seppur dotato di diverse capacità di apprendimento, viene stimlato e incoraggiato ad imparare assieme, ricevendo al tempo stesso una particolare attenzione individuale. Lo stimolo reciproco facilita lo sviluppo delle capacità musicali e il suonare in gruppo motiva l’appartenenza al gruppo classe.